Notizie sulla moda, l'arte ed il turismo italiani e sul made in Italy

Mila Schön Time Collection

14 dicembre 2009    Invia ad un amico
Mila Schön Time Collection
Clicca per ingrandire

Mila Schön, la Signora dello Stile

Mila Schön è una delle figure che hanno costruito l’Alta Moda italiana.
Una moda colta, ispirata all’arte moderna, innovativa nei materiali e nei tagli.
Le linee morbide e cariche degli anni ’50 già nelle prime collezioni della griffe milanese vengono superate per entrare nel vortice del geometrico, del futuribile e del tecnologico e nelle collezioni degli anni ’60-’70, la sobrietà della linea si unisce alla preziosità data non da ricami complessi ma dall’intarsio a onda o da moduli geometrici a colori pastello o con effetti optical, un must dello stile Schön.

Mila Schön Parfums

Le due prime fragranze Mila Schön – femminile e maschile - lanciate tra il 2002 e il 2003 - erano ispirate, nel packaging, all’uso che storicamente Mila Schön fece dei tagli su tessuto alla Lucio Fontana.
Nella Primavera del 2007, Mila Schön Parfums lancia due nuove fragranze continuando ad ispirarsi all’arte moderna, tratto che caratterizza la storia del marchio. In particolare, sull’onda del trend Revival Anni ’60, l’ispirazione viene dai quadri di Nolan. Mila Schön Lei e Lui incarnano l’essenza dello stile Mila Schön, tra passato e futuro. Dal passato un’eredità importante, nel futuro il rilancio di una griffe che riscopre i suoi tratti distintivi.
Quest’anno, per rendere omaggio all’arte e alle creazioni di Mila Schön, esce Time Collection, una collezione di 5 fragranze ispirate ai cinquant’anni di lavoro della stilista.

Time Collection

Cos’hanno in comune cinquant’anni così intensi come quelli appena passati? Dai mitici anni sessanta fino al 2000 si sono susseguite grandi differenze nello stile, ma questi anni straordinari sono stati attraversati da una personalità geniale e creativa che li ha uniti, quella di Mila Schön. La grande stilista ha saputo cogliere le particolarità di ciascuna epoca, innovandole in modo unico e inconfondibile. Il suo stile si riflette nei cinque decenni con un segno indelebile da ricordare con altrettante fragranze esclusive e preziose.
Ognuno dei cinque profumi porta il nome di un decennio: ’60, ’70, ’80, ’90, ’00, e le loro fragranze ricordano lo stile della moda dell’epoca.

Le Fragranze

Anni ’60
Il double e una nuova eleganza

La sfilata del 1965 a Pitti fu un momento epocale.
La moda di Mila Schön, così lineare e moderna, fu una vera sorpresa, una scintilla di grande novità: la sua era una donna attiva e pragmatica, che occupava il suo tempo in una serie di attività lavorative, talvolta, o di rappresentanza.
La stilista aveva pensato ad una donna molto elegante, senza orpelli ne esagerazioni.
Nella sua testa c’era una collezione nitida, pulita che allo stesso tempo doveva essere portabile. Da qui nacque l’idea geniale: il double, un tessuto doppiato, senza cuciture che non aveva diritto e rovescio.
Il colore, oltre alla linea, era stato la chiave di volta nel successo di quella prima sfilata del 1965, tutta giocata sull’alternanza di naturale e pastello.

Anni ‘70
La rivoluzione dei prêt-à-porter

Gli anni settanta rappresentano un decennio di “rivoluzione”: all’ottimismo degli anni cinquanta, seguito dalla voglia di vivere giovanilistica degli anni sessanta, succede un’atmosfera crescente di critica verso un sistema che crea differenze sociali.
Contro questo sistema si manifestano varie tendenze: una fra tutte è il fenomeno hippie che, rifiutando lo stile classico consolidato come espressione del sistema capitalistico, predilige volumi e forme più naturali.
In quegli anni, a causa della crisi latente del sistema che si reggeva sul costo delle materie prime, il panorama della moda cambia in modo quasi radicale. La crisi economica si faceva sentire con una diminuzione della clientela dell’Alta Moda. Si faceva strada, quindi, la produzione in serie: nasceva il prêt-à-porter.
La seconda grande novità del 1973 fu la stipula di un contratto di distribuzione con il Giappone, e sempre negli anni settanta avvenne la creazione della linea per uomo – Mila Schön UOMO.

Anni ‘80
Una crescita inarrestabile

Gli anni ottanta hanno visto il trionfo della moda italiana nel mondo, la sua supremazia qualitativa sia in termini di materiali che di creatività.
In quegli anni grande fu l’espansione commerciale e distributiva della griffe, per cui la parte imprenditoriale prendeva talvolta il sopravvento.
Il 22 luglio 1983 a Roma, nella cornice del Ninfeo di Villa Giulia, la stilista celebra i suoi venticinque anni di carriera, raccogliendo in una sfilata tutti gli elementi che avevano reso famoso il suo stile. Motivi a rombi, a intarsi, nonché la sua palette di colori che alternava al grigio, bianco e nero, il verde e il rosso acceso, il suo viola e infine l’utilizzo di ogni tipo di materiale.

Anni ‘90
Nuove frontiere, da Parigi al Giappone

All’inizio degli anni novanta, Mila Schön decide di lasciare Roma per Parigi. La prima sfilata parigina avvenne nel 1992.
Nello stesso periodo avviene un evento fondamentale: la decisione di cedere la proprietà dell’azienda ai partner giapponesi. Mila Schön rimase presidente onorario della società e poteva continuare a portare avanti le sue cose: infatti, sovrintendeva comunque allo studio creativo delle collezioni create dalla casa di moda da lei fondata.
Il suo carisma e la sua forza erano tali che né il Giappone, dove si recava quasi tutti gli anni, né altri avrebbero potuto tenerla lontana da quella che era la sua grande passione: il suo lavoro.

Anni 2000
Il futuro è nelle origini

Bianca Gervasio è designata direttore creativo. Il debutto del nuovo corso avviene nel febbraio 2008.
E’ così che, cinquant’anni esatti dopo l’inizio, la storia del marchio ricomincia con un’attenta riscoperta delle origini, nella consapevolezza che la formula inventata dalla signora  Mila Schön è così precisa e definita, così perfetta da risultare atemporale nella sua assoluta modernità.
Linearità. Sobrietà. Gusto del colore. Geometria. Il futuro di Mila Schön riparte da qui.

Il Packaging

Caratteristica peculiare dei cinque flaconi, sono i colori che li contraddistinguono: ogni fragranza è contenuta in un flacone che richiama un colore, caratteristica che sottolinea il grande gusto del colore che aveva la stilista. Le linee geometriche che disegnano i flaconi rimandano alla pulizia e alla linearità delle creazioni di Mila Schön: il corpo rettangolare, con due lati di vetro trasparente che lasciano vedere il contenuto, e il tappo squadrato che riprende il colore del flacone si presentano con un forte impatto visivo. I lati dei flaconi sono monocromatici e su di essi è stampata la decade di riferimento della fragranza. Anche l’astuccio, che riporta su sfondo bianco il nome della fragranza, si presenta con il fianco colorato allo stesso modo del flacone.

Formato e Prezzo

Time Collection ‘60 Eau de Parfum 100 ml € 44,00
Time Collection ‘70 Eau de Parfum 100 ml € 44,00
Time Collection ‘80 Eau de Parfum 100 ml € 44,00
Time Collection ‘90 Eau de Parfum 100 ml € 44,00
Time Collection ‘00 Eau de Parfum 100 ml € 44,00

La fragranze Time Collection sono prodotte e distribuite da Eurocosmesi s.r.l.

In vendita in profumerie selezionate.


[ i più letti del mese ]

[ i più popolari ]