Notizie sulla moda, l'arte ed il turismo italiani e sul made in Italy

Pepi Morgia illumina il presepe reale di Caserta in mostra a Roma

22 dicembre 2008    Invia ad un amico

Dal 21 dicembre il Museo Nazionale Romano in Palazzo Altemps ospiterà la preziosa collezione del presepe Reale della Reggia di Caserta, un’eccezionale esposizione nata con l’intento di celebrare il Natale in uno scambio culturale tra due città, l’antica capitale di un Regno e la capitale di tutta l’Italia, tra quello che Napoli era nei secoli d’oro e che ora è Roma, città di incontro e di confronto tra popoli diversi.

L’iniziativa, dal titolo Il Presepe Reale e le vestiture del popolo, si protrarrà fino al 22 febbraio 2009 ed è promossa da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Comune di Roma e Regione Campania con il coordinamento di Anna Maria Romano, la progettazione di Fabiana Capozucca e gli allestimenti di Vincenzo Russolillo per Gruppo eventi. A curarne il progetto illuminotecnico è Pepi Morgia, light designer di fama internazionale che nella Capitale ha già curato le installazioni luminose permanenti di prestigiosi monumenti storici quali la Cupola di San Pietro, il Colosseo, la Fontana di Trevi e la Colonna Traiana.

Progetti di illuminazione per monumenti e centri urbani, illuminazioni di interni, installazioni luminose, mostre, yacht, luci artistiche per discoteche, performance teatrali e musicali, illuminazione della Sacra Sindone, realizzazione di impianti illuminotecnici e architettonici: nella sua quarantennale carriera PEPIMORGIA ha saputo vestire gli spazi e le persone di creativa lucentezza, spettacolarizzando dai padiglioni di expo internazionali – celebri quelle di Hannnover, Lisbona e Siviglia – ai concerti pop dei artisti del calibro di servendosi di Elton John, Van Der Graaf Generator, Genesis, Luciano Pavarotti, Fabrizio Dè Andrè, Zucchero, Claudio Baglioni, Laura Pausini, Andrea Bocelli…

Servendosi di tecnologie più o meno sofisticate – da punti luci motorizzati ed ACL (Air Craft Lemming) a laser, macchine del fuoco digitalizzate ma anche semplici candele – l’arte del light designer è quella di manovrare le luci per dipingere, creare e trasmettere delle nuove sensazioni, dando visibilità ai soggetti ritratti e rispettando al tempo stesso il giusto equilibrio tra intensità, colore e distribuzione della luce, oltre la ricercatezza del semplice effetto pittoresco.

Con tale criterio Pepi Morgia ha reso protagonista in questo contesto le sfumature luminose non solo nelle scene canoniche del Presepe – Natività, Adorazione degli angeli, Corteo dei Magi… - ma in tutta l’eterogenea popolazione del Regno dell’epoca (Il Regno delle Due Sicilie), investendo di luci cangianti dai rustici popolani agli opulenti orientali, fino ai raffinati mercanti decorati con ricami in argento e oro.

Un accorgimento che tende a valorizzare la profonda passione per il Presepe Reale di Re Carlo III, che partecipava personalmente alla realizzazione dei pastori coinvolgendo la propria corte e influenzando nobili e ricchi borghesi, i cui lavori gareggiavano in spettacolarità e raffinatezza. La cura del particolare luminoso rispetta anche la moltitudine dei materiali prescelti per costruire il Presepe, quali la terracotta dipinta delle statue, il legno degli arti, il fil di ferro che garantisce alle figure la massima flessibilità, le pregiate stoffe degli abiti, i gioielli e le pietre preziose.

Lo studio dei fasci di luce cangianti attraversa anche i dipinti di Salvatore Fergola, esposti in mostra accanto ai disegni e alle incisioni, provenienti dal Museo di San Martino di Napoli, che ritraggono i vestiti dell’epoca e alle porcellane di Capodimonte con i costumi del Regno.

La luce di Pepi Morgia sarà prossimamente l’interprete per iGuzzini di uno specialissimo “Son et lumière” nella piazza dell’Hermitage di San Pietroburgo (maggiori informazioni su www.myspace.com/pepimorgia).

Il Presepe Reale e le vestiture del popolo - 21 dicembre 2008 - 22 febbraio 2009
Roma, Museo Nazionale Romano in Palazzo Altemps – Piazza di S. Apollinare, 46
Orari : 9 – 19,45. Chiuso il lunedì, il 1° gennaio e 25 dicembre.
Biglietti: Intero 10 €, ridotto 6.50 € - Il costo del biglietto consente l’accesso a tutte le sedi del Museo Nazionale Romano, compresa la mostra in corso a Palazzo Massimo, ed è valido per 3 giorni.

Info:
www.pierreci.it


[ i più letti del mese ]

[ i più popolari ]