Notizie sulla moda, l'arte ed il turismo italiani e sul made in Italy

Ceramica in tavola: gusto ed estetica del bel mangiare

26 giugno 2008    Invia ad un amico
Ceramica in tavola: gusto ed estetica del bel mangiare
Clicca per ingrandire

Per il quinto anno consecutivo i ristoratori di Faenza (Ra) e del comprensorio turistico delle "Terre di Faenza" ripropongono l’iniziativa Ceramica in Tavola che, con crescente successo, accompagna l’estate di chi ama tradizione artigianale ceramica e tradizione culinaria.

Realizzato grazie alla collaborazione tra Degusti – Associazione ristoratori del comprensorio faentino,  Confesercenti, Ascom, Cna, Confartigianato e Società di Area Terre di Faenza e con il contributo della Camera di Commercio, l’evento promuove il sodalizio tra ceramica artistica e arte gastronomica. Due forme d’arte diverse che in questa occasione si rafforzano e si completano, grazie anche alla fantasia di 19 chef che ispirandosi al  “Geometrico fiorito” (esempio eccelso della ceramica della prima metà del XVI Secolo, anche nominato “stile conventuale”), tema ceramico scelto per l’edizione 2008 di Ceramica in Tavola, hanno ideato pietanze di sapore antico, rendendo omaggio a questo stile e al periodo storico in cui è nato.

Fino al 30 settembre consumando nei ristoranti aderenti all’iniziativa le proposte gastronomiche ideate appositamente per l’occasione, si potrà ricevere in omaggio uno Scudone Manfredo in Terracotta. Collezionando quattro scudoni diversi, che attestano il consumo di quattro diverse pietanze, si riceverà il “Geometrico fiorito”, prodotto artigianalmente in serie limitata da ceramisti faentini, e un biglietto omaggio per l’ingresso gratuito al Museo  Internazionale delle Ceramiche di Faenza. Lo Scudone Manfredo, inoltre, consegnato alla biglietteria del MIC, dà diritto ad uno sconto del 50% sul prezzo d’ingresso al Museo.

Per maggiori informazioni su Ceramica in Tavola e sulle iniziative enogastronomiche dell’Associazione dei ristoratori si possono visitare i siti: www.degusti.it , www.terredifaenza.it.

I ristoranti aderenti e i rispettivi piatti:
Hotel Cavallino – Faenza, passata di ceci con maltagliati di grano saraceno e guanciale rosolato, Chicchirichì – Faenza, fonduta del vecchio monaco, Da Mario - Riolo Terme, rotolo freddo di capretto alle erbe officinali con frittelle di ortica, Felix – Faenza, pizza certosa,  I Pini - Riolo Terme,  spuntatine di maiale in crosta con cipolline in agrodolce e scalogni piccanti, Il Tartufo – Marzeno di Brisighella, pizza delle mura di cinta, La Baita – Faenza, lasagna con ricotta ed erbe di campo, La Casa dei Servi - Castel Bolognese, maialino da latte ripieno con cipolle dorate, La Casetta – Brisighella, tagliata di tonno ai fiori di zucca, La Madia - Granarolo Faentino, polletto ai sapori dell’orto dell’antico convento,  La Pavona – Faenza, spalla di agnello al prezzemolo con salsa celeste, La Segreta – Faenza, sarde farcite al rovescio,  Manuèli – Faenza, spezzatino di agnello con piselli, Marianaza – Faenza, fettine di vitello al lardo, Osteria del Mercato – Faenza, spiedo di porco alle erbe aromatiche, Sale Dolce - Faenza, minestra estiva di grano, San Biagio Vecchio – Faenza, strozzapreti profumati alla salvia con ragù di pecora in guazzetto di noci, Syrenè – Faenza,  ravioli di erbe su vellutata di ceci con scaglie di pecorino, Zingarò – Faenza, zuppa di ceci alla sette erbe aromatiche.

Ceramica in Tavola fa parte del calendario di iniziative “Le stagioni della gastronomia faentina”, ideato dalla Società di Area “Terre di Faenza” e realizzato in collaborazione con le associazioni di categoria Ascom e Confesercenti e con l’associazione di ristoratori Degusti. Giunto al suo secondo anno, il calendario mette a sistema e promuove tre importanti iniziative (Il Piatto Verde, Ceramica in Tavola, AutOut) che coinvolgono ristoranti e aziende agrituristiche del comprensorio e che ha come filo conduttore la gastronomia di qualità, quella strettamente legata ai prodotti locali.


[ i più letti del mese ]

[ i più popolari ]