Notizie sulla moda, l'arte ed il turismo italiani e sul made in Italy

Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, tra le '50 persone che potrebbero salvare il pianeta'

01 febbraio 2008    Invia ad un amico
Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, tra le '50 persone che potrebbero salvare il pianeta'
Clicca per ingrandire

Carlo Petrini, fondatore e presidente di Slow Food, è tra le 50 persone che «potrebbero salvare il pianeta», secondo l’autorevole quotidiano The Guardian, il quale ha stilato una lista di personalità che si sono distinte per il loro impegno nel combattere inquinamento ed effetto serra, nella salvaguardia degli ecosistemi, nella promozione di metodi di sviluppo sostenibile, nella tutela di specie animali e vegetali in via d’estinzione.

La lista è stata stilata dai corrispondenti economici, ambientali e scientifici della redazione del quotidiano anglosassone consultando personalità di spicco del dibattito ambientale come il consulente scientifico sui cambiamenti climatici del governo inglese Bob Watson, la biologa e Premio Nobel Wangari Maathai, la fisica ed ecologista Vandana Shiva, il responsabile di Green Peace International Gerd Leipold ecc.

Tra i 50, politici come Angela Merkel, Al Gore e il sindaco di Londra Ken Livingstone, personaggi del jet set hollywoodiano come Leonardo Di Caprio, il patriarca della chiesa ortodossa Bartolomeo I. E poi premi Nobel, biologi, attivisti, imprenditori, ma anche gente meno conosciuta, come l’inventore di un sistema per risparmiare energia nei refrigeratori, o un ragazzo che raccoglie impressionanti quantità di fondi per salvare le tigri in via d’estinzione in India, oppure contadini custodi di semi che garantiscono la salvaguardia della biodiversità.

Ma l’interesse della stampa internazionale non si concentra solo su Carlo Petrini: anche il Salone del Gusto, principale evento Slow Food di quest’anno, a dieci mesi dalla data in calendario, ha già facendo la sua comparsa sui media esteri. L’Agenda 2008 di The Economist, il più importante settimanale economico inglese, lo ha segnalato infatti come evento più importante del prossimo ottobre. Mentre sul sito della tv americana Msnbc, la versione via cavo della Nbc, è apparso un articolo intitolato Destination yum! World’s best food festival in cui si parla del Salone targato Slow Food come «uno degli eventi importanti del calendario per appassionati dell’agricoltura sostenibile e dello slow food».

Qui di seguito la motivazione della presenza di Carlo Petrini nella lista dei 50 di The Guardian: «Carlo Petrini è l’unico attivista anti McDonald’s che ha accesso agli uffici di David Cameron, David Milliband, Carlo d’Inghilterra, Al Gore e Barack Obama. Il fondatore del movimento internazionale Slow Food, segnalato da Vandana Shiva, è ammirato da buongustai facoltosi per il suo impegno nella promozione della qualità del cibo, delle produzioni agroalimentari su piccola scala, della riscoperta della convivialità e di uno stile di vita dai ritmi meno frenetici. Ma Petrini, un italiano di sinistra vecchio stampo, ha propositi molto più importanti della semplice tutela della sardina o del crudo di Parma. Il movimento Slow Food oggi è presente in 100 Paesi e sta combattendo la cultura del fast food e delle multinazionali del settore agroalimentare, responsabili di gravi danni per l’ambiente».

L’articolo e l’elenco integrale sul sito di The Guardian


[ i più letti del mese ]

[ i più popolari ]