Notizie sulla moda, l'arte ed il turismo italiani e sul made in Italy

Mela Val Venosta Alimenta la Salute

25 marzo 2009    Invia ad un amico
Mela Val Venosta Alimenta la Salute
Clicca per ingrandire

Mela Val Venosta scende in campo ancora una volta in difesa della sana alimentazione, della salute e dell’ambiente: dal 1 al 4 aprile sarà a Riccione presso il Palazzo dei Congressi per sponsorizzare il 21º Congresso Nazionale ANDID (Associazione Nazionale Dietisti) dal titolo “Tutela della salute, sostenibilità ecologica e conservazione delle risorse: il contributo professionale dei Dietisti".

L’ANDID è in Italia l’unica Associazione titolata a rappresentare la categoria dei Dietisti e il 21º Congresso Nazionale rientra tra le attività di formazione e aggiornamento per le quali l’Associazione ha richiesto l’accreditamento ECM (Educazione Continua in Medicina) rivolto a Dietisti e Medici. Al congresso prenderanno parte docenti universitari, istituzioni pubbliche e referenti clinici attivi nell’ambito di prevenzione e benessere per fornire indicazioni sulla promozione di uno stile alimentare corretto e sull’efficacia della terapia dietetica nelle patologie causate da una scorretta alimentazione. Tra i partecipanti non poteva mancare la mela, frutto della salute per eccellenza, inserito in ogni regime dietetico equilibrato e, in particolare, la Mela della Val Venosta, apprezzata per le sue proprietà organolettiche e nutrizionali e per la sua naturalità.

Per incentivare l’adozione di comportamenti alimentari corretti volti anche ad effettuare un’azione preventiva, la Golden Delicious, la varietà più importante tra le mele a marchio Val Venosta, che rappresenta da sola quasi 2/3 della produzione venostana, verrà distribuita gratuitamente ai partecipanti del convegno durante tutti i pranzi e i coffe break. La Golden Delicious della Val Venosta è una mela dalla polpa succosa, particolarmente rinfrescante e croccante, con la buccia di colore giallo che assume le sfumature rosso aranciate tipiche delle mele di alta montagna. L’area di coltivazione si estende infatti tra i 500 e i 1.100 m di quota dove uno speciale microclima consente di ottenere mele succose, croccanti e profumate. 300 giorni di sole all’anno, scarse precipitazioni e forti escursioni termiche garantiscono mele ad alto grado zuccherino e vitaminico, dall’aroma intenso e caratteristico.

Le mele venostane, inoltre, vengono prodotte seguendo il metodo della lotta integrata, secondo il quale si combattono i parassiti in esubero impiegando i loro nemici naturali, come la coccinella. Anche il modello di frutticoltura adottato dalle cooperative VI.P (Associazione delle Cooperative Ortofrutticole della Val Venosta), perfetto punto d’incontro tra innovazione e tradizione, contribuisce a fare della mela della Val Venosta un frutto di qualità superiore, raccomandato all’interno di una sana e corretta alimentazione.

www.vip.coop/it


[ i più letti del mese ]

[ i più popolari ]