Notizie sulla moda, l'arte ed il turismo italiani e sul made in Italy

L'occhialeria italiana alla conquista di Istanbul

03 luglio 2011    Invia ad un amico
L'occhialeria italiana alla conquista di Istanbul
Clicca per ingrandire
S' stata inaugurata giovedì scorso la mostra “Eyewear, a never ending Italian Story”, promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzata dall’ Istituto Italiano per il Commercio Estero (ICE) in collaborazione con l’Associazione Italiana Fabbricanti Articoli Ottici (ANFAO). Una dinamica retrospettiva che, oltre a raccontare l’affascinante storia dell’occhialeria, sottolinea la qualità, l’eccellenza  produttiva e il design innovativo che da sempre sono i punti di forza di questo settore del Made in Italy.

L’esposizione è ospitata nei Grandi Magazzini Harvey Nichols, nel contesto del prestigioso complesso commerciale Kanyon. Il negozio occupa oltre 8.000 metri quadrati di superficie e accoglie le marche di alta gamma per le quali è conosciuto nel mondo. Nel 2007 Harvey Nichols Istanbul si è anche aggiudicato il premio Best International Retail Interior. Una location ad hoc per raccontare al grande pubblico la ricchezza storica che sta alla base di un’invenzione – l’occhiale – che si è evoluto nei secoli, conquistando - di epoca in epoca - una sua originalità e esclusività. L’allestimento è stato studiato per esaltare l’unicità di ciascun pezzo, dal più antico al più moderno: i veri protagonisti saranno proprio gli occhiali, patrimonio italiano e scrigno di una tradizione, di un’attenzione al dettaglio e di un know-how creativo unico nel suo genere.

È stato creato un percorso cronologico-tematico volto ad accompagnare il visitatore in un viaggio attraverso le epoche: gli occhiali esposti racconteranno le loro origini, la loro storia, la modernità di alcuni dei pezzi storici e la forte tradizione di alcuni dei pezzi più moderni. L’esposizione documenterà l’evoluzione di questo oggetto che nei secoli è diventato un accessorio irrinunciabile, legato a doppio filo al sistema moda  e alle sue dinamiche.

«La mostra di Istanbul fa parte di un più ampio progetto, sostenuto da Anfao, per il supporto e la promozione dell’occhialeria italiana sulle maggiori piazze internazionali», afferma il Cav. del Lav. Vittorio Tabacchi, presidente Anfao. «La Turchia rappresenta per il nostro settore un mercato molto interessante e in grande crescita. Per questo è fondamentale far conoscere e toccare con mano, al grande pubblico, questo bagaglio creativo e culturale, attraverso le collezioni storiche e contemporanee, emblematica espressione dell’eccellenza produttiva del nostro comparto».

L’allestimento della mostra, tutto giocato sul bianco e sull’uso sapiente della luce, è stato elaborato dall’Arch. Marco Cavallè e dallo Studio di Architettura e Design - Studio14 (Milano, Italia): diversi espositori “modulari” per dare un’ottima visibilità al prodotto esposto e per poter “costruire” un percorso che “racconti” la storia dell’occhiale dalle sue origini fino ai giorni nostri, proiettandosi poi verso il futuro. La scelta del bianco e la forte presenza delle luci sono state scelte strategiche per fare risaltare le silhouette e i colori degli occhiali e renderli i veri protagonisti della manifestazione.




[ i più letti del mese ]

[ i più popolari ]